Capitan America potrebbe essere immortale, grazie a…

I fans dell’MCU sono rimasti scioccati alla fine di Avengers: Endgame quando Captain America (Chris Evans) ha apparentemente concluso la sua carriera da supereroe scegliendo di rimanere nel passato con la sua amata Peggy Carter invece di tornare all’attuale Marvel Universe. Probabilmente ha più di 100 anni quando il tempo finalmente lo raggiunge, Steve sembra troppo vecchio per continuare come Capitan America e passa il suo scudo a Sam Wilson (alias The Falcon).

Tuttavia, un dettaglio precedente potrebbe suggerire che Steve Rogers, sebbene decisamente anziano, potrebbe ancora sopravvivere a tutti gli altri Vendicatori e potrebbe anche essere più potente di quanto il suo aspetto invecchiato potrebbe suggerire. Durante la scena di battaglia culminante del film, Steve ha dimostrato di essere degno di brandire il martello di Thor Mjolnir, che, nei fumetti, potrebbe potenzialmente rendere le persone immortali.  

Per esplorare questa possibilità, dobbiamo analizzare il significato di immortalità e tutti i diversi modi in cui gli esseri umani possono acquisirla nell’Universo Marvel. Per prima cosa, dovremmo stabilire che sebbene il Super Soldier Serum abbia dato a Steve Rogers un corpo fisico quasi perfetto, non è immortale. Il suo corpo potenziato probabilmente invecchia più lentamente della maggior parte degli umani (il che spiega quanto Steve sia ben conservato anche a 100 anni) ma, salvo periodi di animazione sospesa, invecchierà. Alcuni fumetti, come la serie Marvel: 1602 di Neil Gaiman contestano questa, indicando che Steve non invecchia affatto, ma la maggior parte concordano sul fatto che, Super Soldato o no, Capitan America gradualmente invecchierà e morirà.

In secondo luogo, gli Asgardiani come Thor o Odino non sono veramente immortali né nei fumetti né nel MCU. Odino dice a Loki in Thor: The Dark World che gli Asgardiani vivono, invecchiano e muoiono proprio come i mortali (a cui Loki aggiunge sarcasticamente “cinquemila anni in più o in meno”). Tuttavia, è comunemente accettato sia nei fumetti Marvel che nell’MCU che anche gli “dei” abbiano una durata di vita limitata.

Detto questo, gli Asgardiani hanno modi di mantenere la loro giovinezza e vigore – possibilmente a tempo indeterminato. Prendendo in prestito idee dalla mitologia nordica, si dice che le versioni Marvel di Thor e degli altri Asgardiani consumino regolarmente “Le mele di Idunn”, un frutto raro e miracoloso che impedisce agli dei di invecchiare. Quelli a cui sono state negate le mele diventeranno gradualmente vecchi e malati, ma la maggior parte degli Asgardiani è in grado di rimanere giovane e attiva grazie al consumo regolare di queste mele.

Le mele possono persino riportare un essere umano normale in buona salute , come ha scoperto il più giovane team di supereroi della Marvel, Power Pack, quando si sono recati ad Asgard per andare a prendere alcune mele per la nonna morente. Sebbene le mele fossero normalmente riservate solo agli dei, Thor ne diede empaticamente una (come polpa di mele) alla nonna dei bambini in modo che potessero passare un po ‘più di tempo insieme. Tuttavia, è molto improbabile che altri mortali, incluso Capitan America, possano avere accesso a queste mele.

Tuttavia, gli Asgardiani hanno altri mezzi per ottenere l’immortalità – ed è qui che le cose si fanno un po ‘complicate. Nello one-shot 2099: Manifest Destiny, Steve Rogers viene nuovamente congelato e rianimato nell’anno 2099 dove incontra Miguel O’Hara, l’ex Spider-Man di questa era. Dopo aver attraversato un periodo di shock culturale, Steve accetta di essere l’eroe del 2099 e gli viene dato il martello di Thor Mjolnir che aumenta il suo potere a livelli divini. Più tardi, però, Steve viene lanciato nello spazio e lancia il martello a Miguel, che scopre di essere anche lui degno dell’arma asgardiana.

Con sorpresa di Miguel, tuttavia, il martello non gli conferisce abilità extra né aumenta la sua forza. Tuttavia, lo rende immortale al punto che sarà in grado di guidare l’umanità verso un futuro più luminoso nei prossimi mille anni. L’unico avvertimento è che il corpo di Miguel continua a invecchiare, il che significa che è un uomo molto vecchio (anche se molto ben conservato) quando giunge l’anno 3100.

Tutto ciò indica che la magia e la tecnologia asgardiana possono rendere immortale un normale essere umano – e poiché la versione MCU di Captain America è stata ritenuta degna di Mjolnir, probabilmente ha ottenuto molti poteri extra da essa, inclusa l’immortalità. Naturalmente, questo non è emerso durante il suo combattimento con Thanos (“immortale” non significa “che non può essere ucciso”, quindi non farebbe molta differenza in una battaglia per la vita o la morte).

Tuttavia, il tempo di Steve con Mjolnir potrebbe aver avuto un effetto duraturo sul suo corpo che sarebbe diventato evidente solo in seguito. Mentre rinuncia al martello per riportarlo al suo posto nel flusso temporale, la fisiologia di Steve ha subito alcuni enormi cambiamenti durante il suo combattimento con Thanos. Evocando i fulmini sul Titano Pazzo, il corpo di Steve ha letteralmente avuto un fulmine che scorreva nelle sue vene, il che indica che ha ottenuto un metabolismo a livello di Thor. Dato che anche i normali Asgardiani possono vivere per migliaia di anni – e un dio come Thor potrebbe potenzialmente vivere anche più a lungo – questo potrebbe significare che la durata della vita di Steve è stata estesa in modo simile.

La domanda, quindi, è se i cambiamenti al corpo di Capitan America siano permanenti o meno dopo che ha smesso di brandire Mjolnir . Le esatte parole di Odino erano: “Chiunque abbia in mano questo martello, se è degno, possiederà il potere di Thor”. Le parole non specificano che la persona deve continuare a tenere in mano il martello per possedere il potere di Thor dopo essere stata trovata degna. Dal momento che Cap ha dovuto lanciare costantemente il martello durante la battaglia, è logico concludere che abbia mantenuto il potere anche quando il martello ha lasciato la sua mano, sebbene anche quella forza extra non fosse sufficiente per abbattere Thanos.

Inoltre, “il suo essere degno” non è finito quando ha rinunciato al martello, il che significa che parte del potere sarebbe potuto rimanere con lui. Dato che il corpo di Steve era già migliorato dal Super Soldier Serum , avere il fulmine di Thor che scorreva nelle sue vene avrebbe quasi sicuramente prolungato la sua vita a livelli divini. Tuttavia, poiché Mjolnir non impedisce a un corpo di invecchiare (come ha scoperto Miguel O’Hara), Steve Rogers è cresciuto nel corso dei decenni, dandogli un aspetto “anziano” nell’attuale Marvel Universe. Anche così, potrebbe potenzialmente vivere molti altri secoli.

Anche se la durata della vita di Capitan America non è stata estesa oltre i limiti umani (o di Super Soldato), tuttavia, è comunque degno di Mjolnir e potrebbe incontrare un’altra versione alternativa del martello in un numero qualsiasi di universi paralleli, permettendo al suo corpo di vivere per sempre . In effetti, poiché Steve ha trascorso molto tempo ad attraversare più universi, c’è in realtà la possibilità che abbia già acquisito un Mjolnir diverso insieme al suo nuovo scudo in una realtà alternativa in cui Thor era morto (o ha rinunciato al martello). Anche se è ancora improbabile che il pubblico vedrà Captain America tornare in servizio attivo, è bello pensare che Steve Rogers abbia ancora molta vita davanti a sé.

*FONTE: Screenrant.com

Please follow and like us: